Ultimi inserimenti
Home / Secondi piatti / Frittella madonita

Frittella madonita

La frittella madonita (frittedda) è un piatto tipico del palermitano e delle Madonie in particolare.

Frittella madonita

Dosi per 4 persone
Tempo di preparazione: 30 minuti
Tempo di cottura: 45 minuti
Tempo complessivo: 1 h:15 m
 

Frittella madonita: presentazione

La frittella madonita è un piatto saporito e leggero che viene preparato con ortaggi freschi di fine inverno – inizio primavera quali fave, piselli e carciofi; legati assieme dal sapore particolare e intenso del finocchietto selvatico, facilmente reperibile nelle campagne siciliane in quel periodo.
La frittella madonita si può consumare con o senza pasta; nel primo caso si utilizza generalmente uno dei formati di pasta più usati sulle tavole siciliane, ovvero l’attuppateddu cioè il ditale liscio.
La frittella madonita è uno di quei piatti che stanno alla base della gastronomia siciliana, una golosità tutta isolana. Per chi preferisce i piatti tradizionali, la frittedda è la soluzione giusta per vivere in maniera classica i sapori della stagione.

Ingredienti:

1,5 Kg piselli freschi
1,5 Kg fave fresche
5 carciofi
4 scalogni
finocchietto selvatico
olio extravergine di oliva
sale marino di Trapani
pepe nero macinato al momento

Frittella madonita: preparazione

Per preparare la deliziosa frittedda occorre innanzitutto sgranare i piselli, sgusciare le fave, eliminando anche la buccia interna, mondare i carciofi tagliando i cuori a spicchi non troppo sottili.
Tagliare gli scalogni a rondelle e sminuzzare il finocchietto selvatico. Mischiare tutti gli ingredienti e lavarli bene.
Scaldare l’olio in un tegame e aggiungere gli ingredienti. Fare soffriggere per circa 5 minuti e aggiungere acqua fino a coprire gli ortaggi. Salare, pepare e fare cuocere per circa 1 ora a fuoco lento, mescolando di tanto in tanto.
La frittella delle Madonie sarà pronta quando la sua consistenza sarà quasi cremosa.

Frittella madonita: abbinamento

AbbinamentoSuggeriamo di abbinare la frittella madonita a un buon bicchiere di Contea di Sclafani rosso, un vino fermo al colore rubino più o meno intenso con riflessi violacei, odore fine e gradevole, gusto asciutto e strutturato. Temperatura di servizio fra i 16 e i 18 gradi. Servire in calici ballon.

Forse potrebbe interessarti...

Cosciotto di agnello al forno

Cosciotto di agnello al forno

Il cosciotto di maiale al forno è un secondo piatto semplice e tradizionale, da servire ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *