Ultimi inserimenti
Home / Secondi piatti / Sformato di cavolfiore

Sformato di cavolfiore

La cucina siciliana ci regala piatti tradizionali estremamente gustosi: lo sformato di cavolfiore è indubbiamente uno dei secondi piatti più buoni e apprezzati della tradizione di questa meravigliosa terra.

Sformato di cavolfiore
Dosi per: 4 persone
Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 30 minuti
Tempo complessivo: 40 minuti
 

Sformato di cavolfiore: presentazione

Lo sformato di cavolfiore è una preparazione morbida e saporita che in genere piace a tutti, un’ottima soluzione per proporre un po’ di verdura anche a chi non ha proprio la passione degli ortaggi.  Nella cucina classica lo sformato è servito generalmente come ricco antipasto, ma basta aumentare un minimo la porzione per presentarlo in tavola al posto di un secondo tradizionale.
Questo sformato di cavolfiore è una tipica ricetta siciliana conosciuta anche nel resto d’Italia, molto gradita per sua prelibatezza e il suo ricco sapore. Si tratta di una ricetta povera, genuina, semplice che ci è stata tramandata nel tempo, da umili contadini che, nelle occasioni di festa, dovevano accontentarsi di cucinare quel poco che avevano a disposizione, per esempio gli animali da cortile dei loro allevamenti e le verdure dei loro giardini. Questo piatto può essere preparato per deliziare il palato di amici e parenti e fare un’ottima figura a tavola, senza spendere una fortuna! Buonissimo anche gustato freddo, e dunque adatto anche ad essere preparato per il pranzo in ufficio, questo piatto gode di tutte le proprietà benefiche del cavolfiore e delle proteine del latte, delle uova e del formaggio.

350 g cavolfiore
0,3 l latte
3 uova
60 g burro
30 g pecorino siciliano grattugiato
un cucchiaio di farina
Sale marino di Trapani

Sformato di cavolfiore: preparazione

Per preparare il saporitissimo sformato di cavolfiore occorre innanzitutto dare mezza cottura al cavolfiore intero, quindi tagliarlo a pezzetti.
Soffriggere i pezzi del cavolfiore nel burro e aggiungere un pizzico di sale marino di Trapani; a doratura avvenuta aggiungere il latte.
Preparare una besciamella col rimanente burro, il latte e la farina e aggiungerla ai pezzetti di cavolfiore tritato, preparato prima, insieme con le uova già sbattute e il formaggio pecorino grattugiato.
Cuocere il tutto in uno stampo al forno o a bagnomaria. Quando lo sformato di cavolfiore sarà pronto, servirlo caldo in tavola per la consumazione.

Sformato di cavolfiore: abbinamento

AbbinamentoSuggeriamo di abbinare lo sformato di cavolfiore a un buon bicchiere di Santa Margherita di Belice Bianco, un vino vivace dal colore giallo paglierino tenue con riflessi verdognoli; dal profumo delicato fruttato tipico e dal sapore fresco, armonico e asciutto. Temperatura di servizio fra i 10 e i 12 gradi.

Forse potrebbe interessarti...

Cosciotto di agnello al forno

Cosciotto di agnello al forno

Il cosciotto di maiale al forno è un secondo piatto semplice e tradizionale, da servire ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *