Burro

Burro
Home » Burro

Panoramica

Il burro è un grasso animale derivato dalla lavorazione del latte.

Il sapore è delicato e gradevole, il colore varia dal bianco al giallo a seconda della provenienza del latte stesso e dell’alimentazione degli animali.

La sua consistenza è così caratteristica che altri alimenti o materiali simili sono definiti “burrosi”: solido a basse temperature, è facilmente ammorbidibile a temperatura ambiente fino allo scioglimento quando viene riscaldato.

A livello alimentare, si impiega in molte ricette di cucina.

Varietà

Vi sono svariati tipi ottenuti ​​dalla lavorazione del latte di diversi animali: ad esempio un tipo particolare è quello di bufala, che è particolarmente grasso ma che possiede pure un gusto molto delicato.

In commercio ci sono moltiplici varietà di burro lavorato e arricchito con altri ingredienti per conseguire gusti e colori specifici: dal burro salato ai burri più fantasiosi, ad esempio con aglio, basilico, funghi, salmone, gamberi, acciughe e persino caffè o arancia.

Queste tipologie sono spesso usate per preparare antipasti e per essere spalmate sugli snack.

Uso del burro in cucina

Il burro è adoperato in molte ricette, soprattutto nella cucina francese e centro nordica, dove è anche usato come grasso di cottura, a differenza della regione mediterranea dove l’olio d’oliva è la prima scelta.

Dalla colazione all’aperitivo, è perfetto da spalmare sul pane come base per altri ingredienti (dalla marmellata al salmone, alle acciughe o al prosciutto).

È l’ingrediente base per molte preparazioni: pasta sfoglia, pasta brisée e pasta frolla, che possono essere utilizzate per cucinare ricette dolci o salate.

Inoltre, la pastella che funge da base per salse e altre ricette è fatta con farina e burro.

In pasticceria, il burro ha una vasta gamma di usi, dai biscotti ai dolci preparati col cioccolato, fuso assieme al burro.

Per il suo sapore delicato, si abbina facilmente con ricette molto diverse: esalta i sapori forti, come i salumi o le acciughe, e non annulla i gusti delicati come i ravioli di ricotta e spinaci, solitamente conditi con burro e salvia.

Consigli per l’acquisto

Come abbiamo visto, il burro può apparire di colorazione bianca o gialla, a seconda del latte con cui è stato ottenuto.

In linea di principio si può dire che, a causa dei diversi regimi alimentari delle mucche, il burro è giallo d’estate e bianco d’inverno.

Solitamente si reperisce in commercio in panetti.

Verificare sempre al momento dell’acquisto la data di scadenza.

Conservazione del burro

Il burro deve essere conservato in frigo e ben chiuso nella sua confezione per evitare che si deteriori.

Rispettare sempre la data di scadenza stampata sulla confezione.