Pomodoro Pachino

Home » Pomodoro Pachino

Il pomodoro Pachino possiede elevate quantità di antiossidanti e un sapore unico che lo rendono famoso in tutto il mondo. 

È stato etichettato come Indicazione Geografica Protetta sin dal 2003 ed è considerato un pomodoro di alta qualità. 

Un apposito consorzio tutela l’autentico Pomodoro di Pachino IGP, che rispetta un rigido disciplinare di produzione. 

Viene coltivato in parte delle provincie di Ragusa e di Siracusa, tuttavia non è un prodotto autoctono. Nel 1989, infatti, la multinazionale israeliana di sementi HaZera Genetics selezionò una nuova varietà di ortaggio e scelse di coltivarlo al posto dei prodotti tradizionali.

Ecco nascere quindi il pomodoro Pachino, un pomodoro che nel corso degli ultimi decenni ha guadagnato sempre di più il consenso dei consumatori. 

Caratteristiche del pomodoro Pachino

Il pomodoro Pachino è rinomato per il suo gusto dolce, la consistenza soda e la lunga conservabilità. 

In effetti, questi pomodori hanno così tanti usi che è difficile tenerne traccia. 

Il pomodoro Pachino possiede una polpa soda e dolce e si caratterizza anche per la buccia lucente; i suoi frutti hanno, come detto, una lunga conservabilità. 

Possiede inoltre un alto contenuto di zucchero, che gli conferisce un sapore dolce. E’ anche a bassa acidità, il che lo rende ideale per l’inscatolamento e la conservazione. 

In effetti, questi pomodori possono essere conservati in molti modi diversi, ma la maggior parte delle persone li conserva nei barattoli o congelandoli. 

Nel primo caso il processo consiste nell’immergere i pomodori appena raccolti in acqua bollente per diversi minuti fino a quando le bucce iniziano a staccarsi. Quindi si toglie la buccia e si mettono i pomodori in barattoli con un po’ di sale, basilico e olio d’oliva. I barattoli vengono quindi bolliti di nuovo prima di essere conservati in un luogo fresco per un massimo di un anno. 

In alternativa, è possibile congelare i pomodori rimuovendo le bucce prima di metterli in un contenitore ermetico o in un sacchetto per congelatore. È quindi possibile utilizzare questi pomodori surgelati in qualsiasi momento per preparare salsa fresca o concentrato di pomodoro.

Il pomodoro Pachino è disponibile in alcune varietà:

Pachino “ciliegino” 

I pomodori di questa varietà assomigliano alle ciliegie sia per dimensioni sia per aspetto. Sono rossi e rotondi e crescono in grappoli. 

Pachino “costoluto”

A differenza del precedente, il pomodoro Pachino costoluto produce frutti più grandi e di colore verde. Questo pomodoro ha un colore verde intenso, un gusto delicato e una forma mediamente rotonda.

Pachino “tondo liscio”

Questo pomodoro Pachino ha colore verde, gusto deciso e dimensioni rotonde compatte. 

Pachino “a grappolo”

Il pomodoro Pachino a grappolo è disponibile in tanti colori, tra cui rosso e verde. Possiede buccia liscia e grappoli di media grandezza. 

Recenti studi hanno dimostrato che il consumo di pomodori, tra cui i pomodori Pachino, può essere utile nella prevenzione di alcuni tipi di tumori. 

Il loro alto valore nutritivo, unito alla loro prelibatezza ed efficacia nel dissetare, rendono i pomodori molto apprezzati dai consumatori. Il pomodoro Pachino contiene elevate quantità di antiossidanti, minerali e vitamina C. È particolarmente utile per contrastare le malattie infettive e i problemi della pelle.

Uso in cucina

Il pomodoro Pachino è molto versatile grazie alla sua consistenza soda e al gusto dolce. È ideale per preparare salse fresche, salse surgelate o concentrato di pomodoro, inoltre non richiede conservanti per lunghi periodi di conservazione.

Con le quattro varietà del pomodoro Pachino IGP si possono preparare ricette tipiche della cucina siciliana, prima fra tutte la squisita salsa di pomodoro.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.