Farina Manitoba

La farina Manitoba deriva dalla macinazione del grano tenero, in particolare di una varietà che cresce nell’omonima regione canadese della Manitoba.

Si tratta di una farina dall’alto livello di proteine e di glutine, per questo è indicata per prodotti che richiedano una lunga lievitazione.

Trova dunque applicazione in diverse ricette della panificazione ma anche nella preparazione di dolci.

Stagionalità

La farina Manitoba si trova facilmente in commercio tutto l’anno.

Origine della farina Manitoba

La farina Manitoba prende il suo nome dalla regione del Canada in cui si coltiva quella specialità di grano tenero, molto forte e dall’elevata resistenza alle temperature estreme, dalla cui macinazione si ottiene poi la farina.

Oggi con questa denominazione si indica in realtà qualsiasi tipo di farina dall’elevata forza alla lievitazione.

Uso in cucina

Per tale motivo, la farina Manitoba si presta maggiormente alla preparazione di prodotti che richiedano una lunga lievitazione: è quindi indicata per la preparazione del pane, ma anche di dolci a lunga lievitazione come babà, panettoni e pandori.

Trova utilizzo anche in ricette della tradizionale panificazione siciliana, come i panini di cena messinesi o le bombe fritte catanesi, ma soprattutto di una delle più famose ricette siciliane: la brioche col tuppo.

Viene utilizzata anche nella realizzazione di dolci come le graffe trapanesi con la ricotta, le treccine dolci con lo zucchero e le pesche messinesi.

Consigli per l’acquisto

Suggeriamo quindi di acquistare la Manitoba per ricette che richiedano una lunga lievitazione. Facilmente reperibile nei negozi specializzati ma anche in supermercato, vi consigliamo di controllare la data di scadenza e l’integrità della confezione.

Conservazione della farina Manitoba

Una volta arrivati a casa, è preferibile conservare la Manitoba in un luogo fresco e asciutto. 

Dopo l’apertura della confezione, suggeriamo di richiuderla con attenzione o di riporre la farina Manitoba in un contenitore ermetico, per evitare la formazione di farfalline della farina.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.