Bombe fritte catanesi

Bombe fritte catanesi
Home » Bombe fritte catanesi

Le bombe fritte catanesi sono un pezzo di tavola calda tipico della tradizione culinaria catanese a base di prosciutto cotto e mozzarella.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 4 persone
  • Tempo di preparazione: 3h 10m
  • Tempo di cottura: 20 minuti
  • Complessivamente: 3h 30m

Presentazione

La preparazione fra le mura domestiche di un pezzo di tavola calda tipico può sembrare a volte piuttosto ardua, viceversa, ci sono piatti alla portata di tutti, come le bombe fritte catanesi, divertenti da realizzare e molto saporiti.

Vi descriviamo un cibo da strada davvero caratteristico della tradizione siciliana, conosciuto e amato in tutta la regione e non solo.

Una preparazione semplice nelle mescolanze di sapori e assolutamente ghiotta, una ricetta, precisamente, che non prevede tecniche speciali e dal successo assicurato.

Un’esplosione di gusto

Le bombe fritte catanesi sono una vera e propria esplosione di gusto. 

Questo squisito cibo da strada si prepara con un impasto lievitato al quale si dà una conformazione tonda che si farcisce con mozzarella e prosciutto cotto.

La bomba si frigge poi in olio bollente.

Una variante prevede poi che le bombe fritte catanesi possano essere cotte in forno, dopo essere state spennellate con latte e uovo sbattuto.

In questo modo otterremo una preparazione più leggera ma ovviamente andremo un po’ a scapito del gusto…

Sebbene tipiche del catanese, le bombe fritte si possono trovare in diverse parti della Sicilia e possono essere indicate anche con nomi diversi. 

Spesso si trovano pure in versione mignon: le buonissime bombette che sono come le ciliegie, una tira l’altra…

Le bombe fritte catanesi si possono consumare pure come antipasto: il successo è assicurato!

Questa ricetta è un vero e proprio classico della cucina catanese, ideale da gustare in un’atmosfera rilassante e familiare.

Vi abbiamo incuriositi abbastanza parlandovi delle bombe fritte catanesi? Seguite le istruzioni passo passo che ci ha inviato la nostra amica Carmela Pulvirenti e… buon appetito!

Se amate il cibo da strada siciliano, fatevi invogliare dalle nostre proposte. Potrete navigare da una ricetta come le arancine al burro, a una ricetta come le arancine con la ricotta passando per le pane con la milza (pani câ meusa).

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare le bombe fritte catanesi

  • 600 g farina Manitoba
  • 150 g farina 00
  • 30 g zucchero
  • 250 g latte
  • acqua
  • 15 g lievito di birra
  • 10 g sale
  • 25 g strutto
  • 150 g di prosciutto cotto
  • 200 g di mozzarella
  • olio di semi per friggere

Preparazione delle bombe fritte catanesi

Per preparare le bombe fritte catanesi occorre innanzitutto preparare il lievito. 

A tale scopo bisogna mescolare la farina 00, un quarto di litro di latte e il lievito di birra. Mescolare e far riposare un’oretta.

Trascorso questo lasso di tempo, aggiungere la farina Manitoba, l’acqua, il sale e lo zucchero e impastare fino a ottenere un composto liscio e omogeneo.

Ridurre lo strutto a pezzettini e unirlo all’impasto facendolo assorbire per bene. Collocare quindi l’impasto in una terrina e farlo lievitare per un paio d’ore.

Quando l’impasto sarà lievitato spolverare la spianatoia e suddividerlo in pezzetti del peso pari a un centinaio di grammi, quindi dar loro una forma tondeggiante e stenderli col mattarello, collocandovi al centro la mozzarella e prosciutto cotto.

Chiudere adesso le bombe tirando i lati esterni e manipolarle in modo tale da sigillarle per bene.

Farle lievitare per ulteriori 40 minuti, quindi friggerle nell’olio bollente.

Scolarle e depositarle sulla carta assorbente in modo tale da asciugare l’olio in eccesso quindi servire le bombe fritte catanesi in tavola ben calde per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare le bombe fritte catanesi a un buon bicchiere di Contea di Sclafani Grillo.

Si tratta, in particolare, di un un vino spumante dal colore giallo più o meno intenso, dal profumo elegante fine e dal sapore strutturato e asciutto.

Temperatura di servizio generalmente fra i 6 e gli 8 gradi.