Pasta a tianu di San Giuseppe

Pasta a tianu di San Giuseppe
Foto dello chef Nino Leo
Home » Pasta a tianu di San Giuseppe

La pasta a tianu di San Giuseppe è una tipica preparazione di Castelvetrano, grosso centro agricolo in provincia di Trapani.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 4 persone
  • Tempo di preparazione: 20 minuti
  • Tempo di cottura: 1 ora
  • Complessivamente: 1h 20m

Presentazione

Ci sono piatti, nella cucina tradizionale siciliana, che sono talmente legati a un territorio al punto tale da costituirne quasi un emblema.

Al pari degli squisiti campanari, dolci pasquali per antonomasia, la pasta a tianu di San Giuseppe rappresenta il simbolo della tradizione culinaria castelvetranese.

Si tratta di una preparazione realizzata con ortaggi e verdure locali come lo sparaceddu, una verdura tipica del luogo, arricchita con sarde fresche di Selinunte e salsa di pomodoro.

Questa pasta, che una volta si cuoceva nei tegami di terracotta, è tipica della festa di San Giuseppe, che si celebra il giorno 19 marzo di ogni anno.

Realizzarla in casa non è difficile, ciò che è più arduo è reperire gli ingredienti adatti e cioè lo sparaceddu e le sarde di Selinunte.

Se vi capita di recarvi a Castelvetrano a marzo, prima della festa di San Giuseppe, vi consigliamo di gustare la pasta a tianu presso uno dei tanti ottimi ristoranti della zona, non vi dimenticherete facilmente di questo tripudio di sapori!

Se vi interessano i primi piatti siciliani, fatevi stimolare dalle nostre idee. Potrete navigare da una ricetta come la pasta ‘ncasciata, a una ricetta come le cassatelle di ricotta in brodo passando per le busiate col ragù di tonno.

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare la pasta a tianu di San Giuseppe

Preparazione della pasta a tianu di San Giuseppe

Per preparare la pasta a tianu di San Giuseppe occorre innanzitutto cominciare con le verdure.

Mondare il cavolfiore e tagliarlo a cimette, quindi fare altrettanto con le cime di broccolo e pulire per bene lo sparaceddu e il finocchietto selvatico.

Lessare le verdure in abbondante acqua salata, quindi scolarle e metterle da parte conservando l’acqua in cui sono state bollite.

Versare l’olio extravergine di oliva in una casseruola, unire le verdure e soffriggere rimestando spesso.  

Pulire accuratamente le sarde fresche (l’ideale sarebbe utilizzare le sarde di Selinunte), privarle della lisca centrale, delle spine laterali, delle interiora, della testa e della coda e sciacquarle meticolosamente sotto l’acqua corrente. Poi tagliarle a pezzettini.

Tritare la cipolla e soffriggerla nell’olio extravergine di oliva, aggiungere le sarde fresche e quelle sott’olio, i pinoli, l’uva sultanina e la salsa di pomodoro. Rimestare tutti gli ingredienti e regolare di sale e pepe nero rigorosamente macinato al momento facendo cuocere il tutto per una ventina di minuti.

Cuocere adesso la pasta nell’acqua di cottura delle verdure, scolarla al dente e condirla con la metà dell’intingolo con le sarde.  

Oliare una pirofila e disporre uno strato di pasta sul fondo, condire con la salsa e distribuire qualche cucchiaio di verdure e un poco di mandorle tritate.

Continuare quindi a distribuire gli strati fino a esaurimento degli ingredienti. 

Infornare la pirofila a 190° in forno preriscaldato per una ventina di minuti, quindi estrarre la teglia dal forno, far raffreddare per qualche minuto e servire infine la pasta a tianu di San Giuseppe in tavola per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare la pasta a tianu di San Giuseppe a un buon bicchiere di Contea di Sclafani rosso novello.

Si tratta, in particolare, di un un vino fermo dal colore rubino più o meno intenso con riflessi violacei, odore fine e gradevole, sapore armonico e strutturato.

La temperatura di servizio di questo vino è compresa generalmente fra i 16 e i 18 gradi.
Servire in calici ballon.