Ciaurrina o giaurrina

Ciaurrina o giaurrina
Home » Ciaurrina o giaurrina

La ciaurrina (o giaurrina) è una sorta di caramella tipica di Barcellona Pozzo di Gotto, nel messinese. Essa si prepara tradizionalmente per la festa di San Sebastiano, che si celebra il giorno 20 del mese di gennaio.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 10 persone
  • Tempo di preparazione: 1 ora

Presentazione

La ciaurrina è una tipica preparazione siciliana del giorno di San Sebastiano, protettore della città di Barcellona Pozzo di Gotto, ridente centro in provincia di Messina.

Si tratta di un dolce semplicissimo in quanto si prepara soltanto con il miele che si consuma tradizionalmente per la festa di San Sebastiano, che cade il giorno 20 di gennaio.

Solitamente la giaurrina si confeziona davanti agli occhi dei fedeli che passeggiano nei dintorni del Duomo e offerta nelle tante bancarelle di dolciumi allestite per l’occasione le quali emanano per l’aria di un profumo dolce e caratteristico. Provare per credere!

Se vi piacciono i dolci siciliani, fatevi stimolare dalle nostre proposte. Potrete spaziare da una ricetta come i tetù e teio, a una ricetta come il gelo di mandorle passando per le cassatelle di Agira.

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare la ciaurrina

1 Kg miele
olio extravergine di oliva

Preparazione della ciaurrina

Per preparare la ciaurrina occorre versare il miele in un recipiente possibilmente di rame e farlo bollire, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno, fino a quando farà il filo.

Toglierlo adesso dal fuoco e versarlo su un tavolo di marmo unto di olio extravergine di oliva. Lavorarlo quindi con un cucchiaio di legno facendolo raffreddare e poi impastarlo con le mani unte di olio.

Appena sarà diventato piuttosto consistente, formare, tirandolo, una lunga striscia.

Fissare un grosso chiodo, possibilmente su una parete di legno, e appendervi il preparato di miele come

Tirando i due capi con le mani e allungandolo, formare due strisce. Toglierle le strisce dal chiodo, tirarle con le mani e riappenderle al chiodo, ripetendo l’operazione fino a quando la “ciaurrina” sarà diventata abbastanza sottile da poterne ricavare delle caramelle (ricordarsi di ungere ogni tanto le mani di olio extravergine di oliva).

Quando la giaurrina sarà pronta, tagliarla per formare dei bastoncini.