Crispelle con la ricotta

Crispelle con la ricotta
Home » Crispelle con la ricotta

Le crispelle con la ricotta sono una preparazione tipica siciliana diffusa specialmente nel catanese.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 4 persone
  • Tempo di preparazione: 1 ora
  • Tempo di cottura: 5 minuti
  • Complessivamente: 1h 5m

Presentazione

Le crispelle con la ricotta, cugine di quelle con le acciughe, sono un’antica ricetta tipica siciliana caratteristica, come detto, della Sicilia orientale.

Le crispelle o crispeddi in lingua siciliana sono infatti forse il cibo di strada più comune nel catanese.

Una piccola quantità di pasta lievitata formata da farina di semola, acqua, lievito e un pizzico di sale che si imbottisce con i due classici tipi di farcitura: ricotta o acciughe.

Esternamente le crispelle si diversificano unicamente per la conformazione, oblunga per quelle con acciuga e tondeggianti per quelle con ricotta.

Il personaggio principale indiscusso della loro preparazione è il crispiddaru, che avvince turisti e curiosi con la sua tecnica raffinata e veloce per manipolare una pasta quasi liquida che esige destrezza e abilità particolari che si acquisiscono col tempo.

Le crispelle con la ricotta, così come quelle con le acciughe, si possono preparare anche a casa. Seguite le nostre istruzioni passo passo e… buon divertimento!

Se vi interessa il cibo da strada siciliano, lasciatevi invogliare dalle nostre proposte. Potrete spaziare da una ricetta come le arancine alla carne, a una ricetta come le arancine di patate al formaggio passando per i crostini palermitani.

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare le crispelle con la ricotta

Preparazione delle crispelle con la ricotta

Per preparare le gustosissime crispelle con la ricotta (crispeddi ca ricotta in lingua siciliana), occorre innanzitutto setacciare la farina in un ampio recipiente, aggiungervi il lievito sbriciolato e 4 dl di acqua non troppo calda.

Quindi impastare bene sino a ottenere una pasta omogenea e molto morbida.

Unire un pizzico di sale e lavorare ancora per qualche altro minuto, poi coprirla con un canovaccio e farla lievitare per un periodo di tempo pari a un’ora e mezza.

Trascorso questo lasso di tempo si provvederà a setacciare la ricotta.

Poi, in un tegame dai bordi piuttosto alti versare un’abbondante quantità di olio extravergine di oliva e farlo scaldare a una temperatura idonea per la frittura.

Con un cucchiaio prelevare la pasta e inserirvi al centro un cucchiaino di ricotta cercando di coprirla per bene: a questo scopo occorre ripiegarvi sopra la pasta dai bordi.

Questa operazione può essere facilitata inumidendosi le dita oppure con l’ausilio di un cucchiaino bagnato.

Quando il ripieno di ricotta sarà ben coperto, si farà scivolare la crispella nell’olio bollente e la si farà friggere fino ad doratura completa.

Sgocciolare bene la crispella e rimuovere l’olio che eventualmente dovesse risultare in eccesso mediante l’utilizzo della carta assorbente.

Servire infine le crispelle con la ricotta calde in tavola per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare le crispelle con la ricotta a un buon bicchiere di Contea di Sclafani Merlot.

Si tratta, in particolare, di un vino fermo, dal colore rubino, profumo tipico fruttato e sapore strutturato e inoltre asciutto.

Temperatura di servizio fra i 16 e i 18 gradi. Servire in calici ballon.