Pasta câ pastigghia

Home » Pasta câ pastigghia

La pasta câ pastigghia è un tradizionale primo piatto siciliano a base di castagne secche e finocchietto selvatico.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 4 persone
  • Tempo di preparazione: 15 minuti
  • Tempo di cottura: 1h 30m
  • Complessivamente: 1h 45m

Presentazione

La pasta câ pastigghia è un’antica ricetta siciliana a base di castagne secche (pastigghia), una preparazione davvero facile da mettere in tavola e dal gusto caratteristico. 

Questa ricetta affonda le sue radici nella notte dei tempi ma negli ultimi decenni è andata quasi perduta. 

Le castagne sono un valevole ausilio nell’alimentazione poiché nutrienti ed energetiche. 

Per preparare la pasta câ pastigghia si usano le castagne secche messe in ammollo con cospicuo anticipo come se si trattasse di legumi secchi ma è anche possibile usare le castagne fresche.

Se vi piacciono le castagne potreste trovare interessante il nostro articolo “come cuocere le castagne: 6 metodi più consigli per la conservazione“.

Leggete tutti i nostri consigli per realizzare e portare in tavola la pasta câ pastigghia, un vero capolavoro di sapori!

Se preferite i primi piatti siciliani, lasciatevi stimolare dalle nostre proposte. Potrete navigare da una ricetta come il macco di fave, a una ricetta come la pasta con piselli e patate passando per la pasta col cavolfiore.

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare la pasta câ pastigghia

Preparazione della pasta câ pastigghia

Per preparare la pasta câ pastigghia occorre innanzitutto mettere a mollo le castagne secche la sera prima in modo tale che possano ammorbidirsi nel corso della notte. 

Il giorno successivo, prima di cominciare la preparazione del piatto, è consigliabile rimuovere dalle castagne la pellicina che ancora si mantiene tra le pieghe servendosi di un coltello a punta.

Sciacquarle quindi sotto l’acqua corrente. 

Pulire il finocchietto selvatico rimuovendo le parti più rigide, lavarlo e sminuzzarlo con cura. 

In una casseruola versare la cipolla ridotta a fette molto sottili e imbiondirla in quattro cucchiai di olio extravergine di oliva. 

Non appena la cipolla avrà preso un bel colorito (attenzione però a non farla bruciare!), unire il finocchietto, le foglie d’alloro e le castagne secche. 

Unire un paio di bicchieri d’acqua e lasciare cuocere a fiamma medio alta per un’oretta. Se dovesse essere necessario, aggiungere un altro poco di acqua. 

Nel momento in cui le castagne saranno ben cotte e ridotte a pezzettini, quasi disfatte, aggiungere il brodo vegetale caldo in misura sufficiente a cuocere la pasta. 

Versare adesso la pasta, regolare di sale e portare a cottura. Quando la pasta sarà cotta, profumare con il pepe nero macinato al momento, impiattare e servire infine la pasta câ pastigghia in tavola per la consumazione con un’abbondante spolverata di pecorino siciliano DOP grattugiato.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare la pasta câ pastigghia a un buon bicchiere di Contea di Sclafani Grillo.

Si tratta, in particolare, di un un vino spumante dal colore giallo più o meno intenso, dal profumo elegante fine e dal sapore strutturato e asciutto.

Temperatura di servizio generalmente fra i 6 e gli 8 gradi.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.