Scattata di Alia

Scattata di Alia
Home » Scattata di Alia

La scattata di Alia è un dolce tipico della zona del palermitano a base di mandorla preparato specialmente in occasione delle feste di fine anno.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 10 persone
  • Tempo di preparazione: 20 minuti più il tempo di riposo dell’impasto in frigo
  • Tempo di cottura: 10 minuti
  • Complessivamente: 30 minuti

Presentazione

Oggi vi presentiamo un dolce della tradizione siciliana che si vuol fare diventare presidio Slow Food: la “scattata di Alia“.

La ricetta della scattata di Alia risale ai primi anni del secolo scorso quando questo dolce era tradizionalmente preparato dalle donne per le feste e le cerimonie in paese. 

Si ottiene da cinque semplici ingredienti: mandorle locali pelate, tritate e abbrustolite, farina di grano tenero, zucchero e poi cannella e scorze di agrumi. 

La ricetta prevede che gli ingredienti siano mescolati con poca acqua fino a ottenere un amalgama abbastanza consistente che si lascia riposare per mezz’ora. 

A questo punto con le mani bagnate si dà forma a delle palline grandi quanto una noce che andranno arrotolate nei diavoletti di zucchero.

Le palline si adagiano su una teglia, che si inforna a 180°. 

Durante il processo di cottura per effetto del calore l’impasto si espande. 

In lingua siciliana si dice che l’impasto “scatta” fornendo al dolce una forma irregolare che rende ogni impasto unico. Il nome quindi trae origine da questa circostanza.

Oggi la scattata di Alia si prepara solitamente per le festività di Natale, ma si può trovare nei bar del paese, nelle pasticcerie e nei panifici di Alia tutto l’anno.

La mandorla protagonista di questo croccante

Un altro bel dolce siciliano a base di mandorla, dunque.

La mandorla, come è noto, è un frutto ampiamente coltivato in Sicilia, della quale esprime quasi un’icona, viste le molteplici ricette in cui entra da grande protagonista, come la pasta reale, ad esempio, celebre e gradita in tutto il mondo.

Di grandissimo pregio sono le mandorle di Avola, una vera eccellenza a livello mondiale grazie al microclima in cui vivono gli alberi coltivati in questa bellissima zona della Sicilia.

I frutti del mandorlo sono un cibo alquanto ricco di proteine, digeribile e molto sostanzioso.

Nella sua struttura si riscontrano svariate vitamine del gruppo B, la vitamina E, e la vitamina J e numerosi sali minerali indispensabili per il metabolismo.

Leggete le nostre spiegazioni passaggio dopo passaggio e preparate la scattata di Alia con noi!

Se vi piacciono i dolci siciliani, lasciatevi ispirare dalle nostre idee. Potrete navigare da una ricetta come le paste all’antica di Montelepre, a una ricetta come le chiave di San Pietro passando per la frutta Martorana.

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare la scattata di Alia

  • 1 kg mandorle pelate
  • 1 kg di zucchero semolato
  • 300 g farina 00
  • scorza di arancia e di limone grattugiate
  • cannella
  • mezza busta di vanillina
  • diavoletti di zucchero

Preparazione della scattata di Alia

Per preparare la scattata di Alia occorre innanzitutto sminuzzare grossolanamente le mandorle e tostarle.

In una padella capiente versare le mandorle sminuzzate e farle cuocere a fiamma media rimestando spesso e prestando la massima attenzione affinché non si brucino.

Quando si saranno ben tostate, versarle in una zuppiera e lasciarle raffreddare.

Aggiungere adesso lo zucchero, la farina, la vanillina, la scorza degli agrumi grattugiata e amalgamare per bene.

Versare quindi l’acqua e impastare gli ingredienti fin quando non si sarà ottenuta una massa ben lavorata e piuttosto densa.

Collocare l’impasto in frigo e lasciarvelo riposare per una mezz’oretta.

Trascorso questo lasso di tempo ricavare dall’impasto con le mani bagnate delle palline della grandezza di una noce, passarle nei diavoletti di zucchero e collocarle su una placca da forno distanziandole fra di loro.

Infornare per dieci minuti a 180° in forno preriscaldato, quindi, a cottura avvenuta estrarre la teglia, far raffreddare la scattata di Alia e servirla infine per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare la scattata di Alia a un buon bicchiere di Malvasia delle Lipari.

Si tratta, in particolare, di un un vino fermo dal colore giallo dorato ambrato, dal profumo aromatico tipico e dal sapore aromatico e dolce.

Temperatura di servizio generalmente fra gli 8 e i 10 gradi.

Note per la conservazione

La scattata di Alia si conserva benissimo nella classica scatola di latta per dolci per un mese o poco più.

Uno sguardo su Alia

Vi lasciamo a questo interessantissimo video su Alia e sulle sue specialità.