Spagnolette marsalesi alla ricotta

Spagnolette marsalesi alla ricotta
Home » Spagnolette marsalesi alla ricotta

Le spagnolette marsalesi alla ricotta sono un dolce tipico del territorio trapanese a base di crema di ricotta.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 8 persone
  • Tempo di preparazione: 1 ora
  • Tempo di cottura: 10 minuti
  • Complessivamente: 1h 10m

Presentazione

Le spagnolette marsalesi alla ricotta sono una tipica ricetta della tradizione dolciaria siciliana.

Si tratta di dolci di pasta savoiarda ripiena con crema di ricotta peculiari di Marsala. Si consumano prevalentemente per colazione e si reperiscono presso qualsiasi bar e pasticceria della cittadina lilibetana.

La ricetta delle spagnolette marsalesi alla ricotta è una ricetta a base di ricotta, come spesso accade per i dolci della Sicilia occidentale.

La ricotta di pecora è infatti uno degli ingredienti principali della gastronomia e della pasticcieria del trapanese e del palermitano, essa trova grande diffusione in molteplici ricette, inerenti sia a pietanze salate sia soprattutto ai dolci.

Dal punto di vistra nutrizionale, la ricotta è un prodotto abbastanza povero di calorie, assimilabile con estrema facilità e pieno di proteine a elevato valore biologico, calcio e diversi importanti minerali per il nostro organismo.

Il successo di questo squisito dolce è da ricercare nella bontà dei suoi ingredienti, che si prestano a essere assaporati anche dai palati più incontentabili.

Seguite la ricetta che ci ha inviato la nostra amica Milena Zerilli che vive in Germania ma che è originaria di Marsala e preparate con noi le spagnolette marsalesi alla ricotta.

Se adorate i dolci siciliani, fatevi ispirare dalle nostre idee. Potrete spaziare da una ricetta come le zeppole di riso catanesi, a una ricetta come il campanaro di Castelvetrano passando per le brioche siciliana col tuppo.

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare le spagnolette marsalesi alla ricotta

Per la pasta

  • 450 g farina 00
  • 350 g zucchero
  • uova
  • 50 g amido per dolci
  • 10 g bicarbonato di sodio
  • una bustina di vanillina

Per la crema di ricotta

Per guarnire

  • zucchero a velo
  • cannella

Preparazione delle spagnolette marsalesi alla ricotta

Per la crema di ricotta

Per preparare le spagnolette marsalesi alla ricotta bisogna preparare innanzitutto la crema.

A questo scopo mettere la ricotta a scolare in uno scolapasta a maglie strette di modo che perda il siero.

Riporre in frigo e quando la ricotta sarà asciutta passarla al setaccio, versarla in una capiente zuppiera e incorporare la cannella e le gocce di cioccolato fondente.

Mescolare gli ingredienti fino a quando la crema avrà raggiunto la consistenza desiderata.

Per la pasta delle spagnolette marsalesi

Versare lo zucchero in una ciotola assieme al bicarbonato e alla vanillina e aggiungere le uova.

Sbattere il tutto fino a ricavare un impasto chiaro e morbido. 

Incorporare a poco a poco la farina e l’amido passati al setaccio e mescolare dal basso verso l’alto al fine di non fare afflosciare l’impasto.

Confezionamento delle paste

Collocare l’impasto su una spianatoia cosparsa di farina e dare forma a dei dischi del diametro di circa 8 centimetri.

Pressarli leggermente in modo tale da ottenere uno spessore di circa 10 centimetri e posarvi di sopra la crema di ricotta.

Con le mani infarinate prendere le paste e sigillarle nel palmo della mano prestando molta attenzione a definire le spagnolette senza romperle o far uscire la crema di ricotta.

Foderare con carta da forno una teglia e adagiarvi le spagnolette. Infornare a 200° C per 10 minuti in forno riscaldato o almeno fino a quando le spagnolette saranno leggermente dorate.

Quando le spagnolette saranno pronte, farle intiepidire ed estrarle dal forno e cospargerle di zucchero a velo e, a piacimento, con un po’ di cannella.

Servire infine le spagnolette marsalesi alla ricotta per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare le spagnolette marsalesi a un buon bicchiere di Menfi Vendemmia Tardiva.

Si tratta, in particolare, di un un vino fermo dal colore caratteristico persistente, dal profumo caratteristico persistente e dal sapore armonico e dolce.

Temperatura di servizio generalmente fra i 10 e i 12 gradi.