Sfincione di patate

Sfincione di patate

La cucina siciliana ci delizia con piatti tradizionali estremamente gustosi come questo meraviglioso sfincione di patate, indubbiamente uno dei piatti della gastronomia da strada più noti ed apprezzati della tradizione di questa meravigliosa terra.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 6 persone
  • Tempo di preparazione: 1 ora
  • Tempo di cottura: 20 minuti
  • Complessivamente: 1h 20m

Presentazione

Lo sfincione di patate è una delle tante varianti di sfincione, una delle preparazioni più classiche della gastronomia siciliana in generale e palermitana in particolare.

Al pari delle arancine, o del pani ca meusa, rappresenta un must da provare per tutti coloro che si recano in visita in Sicilia.

Sembra che la parola sfincione venga dal latino spongia, cioè “spugna” a causa dell’aspetto dell’impasto che è per l’appunto spugnoso.

La pasta dello sfincione, a metà tra pane e pizza, convenientemente lievitata, conferisce alla pietanza le sue caratteristiche distintive: la morbidezza e l’altezza.

In questa ricetta presentiamo una versione dello sfincione il cui ingrediente principale è costituito dalle patate.

Se vi piacciono i prodotti da forno siciliani, lasciatevi invogliare dalle nostre idee. Potrete navigare da una ricetta come le sciovate cunzate marsalesi, a una ricetta come la fuata nissena passando per la focaccia condita siciliana.

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare lo sfincione di patate

Preparazione dello sfincione di patate

Per preparare il delizioso sfincione di patate occorre innanzitutto lessare le patate in una pentola con abbondante acqua salata, spellarle e ridurle in purea.

Passarle quindi al setaccio, unire il lievito sciolto in acqua tiepida, la farina, un pizzico di sale marino di Trapani e il pepe nero rigorosamente macinato al momento.

Lavorare il composto fino a quando lo stesso avrà ottenuto una buona consistenza e formare un grosso panetto. Ricoprirlo poi con una spolverata di farina e quindi metterlo a lievitare per un paio di ore.

Predisporre adesso una teglia oliandola e cospargendone il fondo e i bordi con il pangrattato.

A lievitazione ultimata dividere la pasta in due parti uguali: con la prima ricoprire il fondo della teglia e le sue pareti.

Cominciare a depositare sulla pasta, a strati alterni, le fette di caciocavallo e di salame.

Coprire il preparato con l’altra metà della pasta facendo attenzione a sigillare adeguatamente il tutto.

Passare un po’ d’olio extravergine di oliva sullo sfincione e spolverare con il pangrattato.

Mettere in forno preriscaldato a 200° fino a quando lo sfincione sarà pronto.

Servire infine lo sfincione di patate caldissimo per la consumazione.

Per le strade di Palermo, ad esempio, i venditori ambulanti servono lo sfincione nella classica carta oleata che metterà nelle condizioni l’acquirente, oltre che a godere del gusto sublime della preparazione, anche di scottarsi le dita!

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare lo sfincione di patate a un buon bicchiere di Santa Margherita di Belice Rosso.

Si tratta, in particolare, di un vino fermo dal colore rubino con sfumature granata, dal profumo vinoso etereo di particolare finezza e dal sapore leggermente tannico con buona struttura.

Temperatura di servizio fra i 12 e i 14 gradi.