Cucchiteddi di Sciacca

Cucchiteddi di Sciacca
Home » Cucchiteddi di Sciacca

I cucchiteddi di Sciacca sono un dolce caratteristico appartenente al patrimonio dolciario dell’agrigentino a base di mandorla.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 10 persone
  • Tempo di preparazione: 30 minuti
  • Tempo di cottura: 20 minuti
  • Complessivamente: 50 minuti più il tempo di riposo della pasta

Presentazione

I cucchiteddi di Sciacca: un dolce tradizionale saccense, per la gioia del palato di grandi e piccini.

Ci riferiamo a un dolce alla base della tradizione pasticciera siciliana, una golosità tutta isolana.

Una dolce semplice nelle combinazioni di sapori e assolutamente goloso, una ricetta, infatti, che non presume tecniche eccezionali e dal successo garantito.

I cucchiteddi di Sciacca sono delle pastarelle glassate a base di pasta di mandorla ripiena con zuccata, la particolare marmellata di zucchine verdi molto comune in Sicilia.

Il nome di questi dolcetti si rifà alla loro peculiare conformazione a cucchiaio.

Vanto dell’arte pasticciera di Sciacca, i cucchiteddi annoverano una lunghissima tradizione.

Queste pastarelle furono concepite dalle suore di clausura della Badia Grande di Sciacca, che le vendevano allo scopo di trarre il sostentamento per badare al proprio mantenimento e alle necessità del convento.

Alla base c’è la mandorla

Alla base di questa ghiotta preparazione dolciaria c’è la mandorla, frutto che quasi rappresenta un’icona della Sicilia viste le numerosissime ricette in cui entra da grande protagonista.

Normalmente le mandorle si mangiano secche durante tutto l’anno mentre si reperiscono fresche solo in primavera.

Il mandorlo è infatti il primo albero a fiorire, ed è il segno dell’imminente della primavera.

Soltanto chi conosce la Sicilia può apprezzare la vista dei mandorli in fiore che si vede già a partire dal tardo febbraio.

I frutti del mandorlo sono un cibo molto ricco di proteine, digeribile e molto sostanzioso.

Nella sua struttura si trovano diverse vitamine del gruppo B, la vitamina E, e la vitamina J e svariati sali minerali.

Elegante e saporito, questo dolce non vi deluderà e sopratutto vi ripagherà della pazienza impiegata per predisporne la preparazione.

Seguite le nostre istruzioni e preparate con noi i cucchiteddi di Sciacca.

Se amate i dolci siciliani, lasciatevi ispirare dalle nostre idee. Potrete spaziare da una ricetta come i cannoli siciliani, a una ricetta come i bignè di San Giuseppe passando per le lingue di bue siciliane.

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare i Cucchiteddi di Sciacca

Per la pasta dei cucchiteddi

  • 500 g di farina di mandorle
  • 400 g di zucchero a velo
  • 100 g di farina 00
  • 3-4 albumi d’uovo

Per la zuccata

Per la glassa

  • 400 g zucchero a velo
  • una bustina di vanillina
  • acqua

Preparazione dei Cucchiteddi di Sciacca

La preparazione dei cucchiteddi di Sciacca può essere suddivisa in tre fasi:

  • predisposizione dell’impasto;
  • predisposizione della zuccata;
  • confezionamento della pastarella.

Predisposizione dell’impasto

Per preparare l’impasto dei cucchiteddi di Sciacca occorre innanzitutto scodellare la farina 00 stacciata unitamente alla farina di mandorle e allo zucchero in una tazza capiente.

Aggregare quindi i tre albumi d’uovo e amalgamare il tutto, incorporando nel caso un quarto albume, fino a conseguire una pasta sufficientemente malleabile e uniforme.

Dare forma a una palla con la pasta, avvilupparla in una pellicola da cucina e farla riposare in frigo per una notte.

Predisposizione della zuccata

Mondare le zucchine e farle a pezzi dopo aver rimosso i semi.

Collocare il tutto in un tegame pieno d’acqua e cuocere in acqua bollente fino a quando i pezzi di zucchina non saranno diventati molli.

Una volta bolliti, collocare i pezzi di zucchina ad asciugare in uno scolapasta per due – tre ore.

Trascorso questo lasso tempo, cucinare la zucchina a fiamma bassa unitamente al succo di mezzo limone e a 700 g di zucchero per ogni chilo di zucchina lessata e sgocciolata, avendo cura di amalgamare frequentemente.

Una volta che il composto sarà portato a staccarsi dalle pareti del tegame, rimuoverlo dal fuoco e posarlo a intiepidirsi a temperatura ambiente.

Confezionamento dei cucchiteddi di Sciacca

Manipolare l’amalgama su una spianatoia e dare forma a un filoncino.

Mozzarlo quindi in quattro parti uguali e col matterello ottenere delle strisce larghe 10 cm e spesse 5 mm da ogni pezzo di impasto.

Scodellare la composta di zucchine a cucchiaiate distaccate l’una dall’altra lungo la parte del centro di ogni striscia di pasta e arrotolare ogni sfoglia di impasto su se stessa, facendo attaccare bene la pasta tutt’attorno al ripieno.

Distaccare quindi i singoli tocchetti imbottiti con un coltellino e arrotolarli in modo tale da conseguire dei panetti ben consistenti lunghi 7-8 cm.

Trasferire i cucchiteddi di Sciacca in forno preriscaldato a 160 °C e cuocerli fino a doratura (20 minuti dovrebbero essere sufficienti).

Una volta cotti, togliere le pastarelle dal forno e farle raffreddare a temperatura ambiente.

Spennellare quindi i cucchiteddi di Sciacca con della glassa di zucchero alquanto concentrata, e servirli per la consumazione nel momento in cui la glassa si sarà asciugata.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare i cucchiteddi di Sciacca a un buon bicchiere di Moscato di Noto Naturale.

Si tratta, in particolare, di un un vino fermo dal colore dal giallo dorato più o meno intenso all’ambrato, dal profumo fragrante tipico e dal sapore leggermente aromatico e dolce.

Temperatura di servizio generalmente fra gli 8 e i 10 gradi.