Impanata con i lolli

Impanata con i lolli
Home » Impanata con i lolli

L’impanata con i lolli è un primo piatto tipico della tradizione culinaria siracusana a base di pasta fresca, carne di maiale al ragù, salsiccia e cavolfiore che si prepara per la vigilia di Natale.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 6 persone
  • Tempo di preparazione: 50 minuti
  • Tempo di cottura: 2h 40m
  • Complessivamente: 3h 30m

Presentazione

L’impanata con i lolli (‘mpanata chê lolli in lingua siciliana) è un primo piatto sostanzioso, perfetto da preparare per celebrare le festività natalizie secondo tradizione.

Nella tradizione siciliana, e in particolare in quella del siracusano, la cena della vigilia assume infatti una fisionomia ben precisa.

Questa è la diretta conseguenza della storia dei territori che nel corso dei secoli hanno dato vita a svariate specialità gastronomiche.

La Sicilia si è evoluta mediante le numerose dominazioni di cui è stata oggetto. Ciò, oltre ad aver lasciato precisi segni nella storia, nella cultura, nelle opere e nell’architettura ha trovato il suo massimo punto di manifestazione per mezzo dell’arte culinaria.

Attraverso i suoi paesaggi, le propizie condizioni climatiche hanno dato vita a dei prodotti e a dei piatti che tutt’oggi sono conosciuti non solo nel resto del Paese ma spesso in tutto il mondo.

E’ il caso di questa sontuosa preparazione natalizia: l’impanata con i lolli.

Una pietanza ricca di gustosi ingredienti

I lolli sono una sorta di pasta fresca che formerà il ripieno, assieme alla salsiccia, alla carne di maiale e al cavolfiore, di questa ricca preparazione.

La salsiccia è uno degli insaccati di carne di maiale più popolari e consumati in Sicilia e costituisce un ingrediente fondamentale di questa pietanza.

Il cavolfiore è un ortaggio alquanto utilizzato nella cucina siciliana, dove viene chiamato scorrettamente con il nome di “broccolo” (il quale a sua volta è inteso come broccoletto o “smuzzatura”).

E’ un ortaggio ricco di sali minerali così come la vitamina C e la B9 (il c.d. “acido folico”).

Il sapore intenso della salsiccia si abbina meravigliosamente con il sapore degli altri ingredienti rendendo questo primo piatto a base di carne ricco e versatile.

Una preparazione che riunisce la famiglia in attesa dell’arrivo del Natale: l’impanata con i lolli è un piatto da provare che potete realizzare seguendo la ricetta che vi presentiamo in questa pagina.

Se vi piacciono i primi piatti siciliani a base di carne, fatevi ispirare dalle nostre proposte. Potrete navigare da una ricetta come le pappardelle al sugo di coniglio, a una ricetta come le cassatelle di ricotta in brodo passando per lo sciusceddu missinisi.

Altre ricette gustose

Ingredienti per la preparazione dell’impanata con i lolli

Preparazione dell’impanata con i lolli

Prima fase: preparazione dei lolli

La preparazione dell’impanata con i lolli comincia proprio con la preparazione dei lolli, cioè della pasta fresca.

Per preparare i lolli, iniziare per prima cosa col mettere sul tavolo la farina a fontana, versarvi un po’ di acqua tiepida con un pizzico di sale e impastare fino a ottenere un composto consistente.

Formare un panetto con la pasta, quindi staccare dei pezzetti e lavorarli fino a dare forma a un cilindro spesso 1 cm.

Tagliare con un coltello il cilindro in tanti pezzetti lunghi un paio di centimetri circa. 

Assottigliare ciascun pezzetto ulteriormente, passandolo leggermente fra i palmi delle mani.

Una volta preparati i lolli ci si potrà dedicare alla preparazione del ragù di maiale.

Seconda fase: preparazione del ragù di maiale, della salsiccia, dei lolli e del cavolfiore

Per preparare il ragù di maiale occorre innanzitutto far appassire una cipolla sminuzzata nell’olio extravergine di oliva e aggiungervi la carne e la cotica a dorare.

Quando entrambe avranno preso colore, aggiungere il sale e i semi di finocchietto selvatico, pepare e irrorare il tutto con mezzo bicchiere di acqua calda contenente due cucchiaini di estratto di pomodoro siciliano (il c.d. strattu) diluito.

Versare quindi mezzo litro di salsa di pomodoro e coprire il tegame con il coperchio.

Fare cuocere a fiamma bassa per un’ora e mezzo.

Quando il ragù di maiale sarà pronto, cuocere i lolli in abbondante acqua salata e condirli con il sugo. A parte, ci occuperemo rispettivamente del cavolfiore e della salsiccia.

Il primo si dovrà lessare in acqua salata dopo averlo pulito e ridotto in piccoli pezzi.

Cuoceremo invece la salsiccia a pezzetti in un ulteriore tegame rosolandola in poco olio extravergine di oliva assieme all’altra cipolla affettata.

Quando sarà dorata aggiungere il bicchiere di brodo vegetale e lasciarla andare per dieci minuti.

Terza fase: predisposizione dell’impanata con i lolli

Stendere la pasta di pane con un matterello e formare due dischi di pasta.

Il primo, più grande, fungerà da base, l’altro, più piccolo, da chiusura.

Ungere il fondo di una teglia e posare il primo disco facendo in modo che la pasta esca dai bordi.

Disporre adesso un miscuglio fatto con i lolli, il cavolfiore, la carne di maiale e la salsiccia.

Inumidire con un poco di sugo e dare sapore con un pizzico di pepe nero rigorosamente macinato al momento e con un po’ di olio extravergine di oliva.

A operazione terminata ricoprire il tutto col secondo disco di pasta e saldare quest’ultimo con i lembi di pasta del primo disco che traboccano dalla teglia.

Bucherellare adesso l’impanata con una forchetta.

Mettere in forno preriscaldato a 200° e far cuocere per un’ora prestando attenzione che l’impanata con i lolli non si bruci.

Trascorso questo lasso di tempo, far raffreddare la preparazione per una decina di minuti quindi servire l’impanata con i lolli calda in tavola per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare l’impanata con i lolli a un buon bicchiere di Delia Nivolelli Pignatello Riserva.

Si tratta, in particolare, di un un vino fermo dal colore rubino all’aranciato con l’invecchiamento, dal profumo vinoso tipico e dal sapore pieno, sapido e leggermente tannico.

La temperatura di servizio di questo vino è compresa generalmente fra i 12 e i 14 gradi.