Melanzane a quaglia

Melanzane a quaglia
Home » Melanzane a quaglia

Le melanzane a quaglia sono una specialità della gastronomia palermitana che si possono trovare sui banchi dei mercati della città capoluogo di regione.

Scopri anche

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 8 persone
  • Tempo di preparazione: 30 minuti
  • Tempo di cottura: 20 minuti
  • Complessivamente: 50 minuti

Presentazione

Sono diversi i piatti della cucina palermitana povera che nascono come imitazione dei piatti più ricchi, quelli preparati dai monsù e consumati dai nobili.

Il nostro pensiero corre subito al coniglio all’argentiera, oppure al ficatu ri sette cannola tanto per citare i primi esempi che ci vengono in mente.

Si tratta di piatti dove, in mancanza dell’ingrediente originale (spesso di origine animale, e quindi di “sostanza”), si usavano ingredienti per certi versi succedanei. Ingredienti cioè che facevano ricordare (nella maggior parte dei casi soltanto lontanamente) l’ingrediente autentico.

Le melanzane a quaglia rientrano in questa categoria di piatti: i nobili erano adusi a mangiare le quaglie?

Bene, qualche furbacchione pieno d’inventiva e con dimestichezza con i fornelli che non aveva accesso alle quaglie vere e proprie ebbe un colpo di genio.

Prese una melanzana tutta intera con il gambo, che rappresentava un collo senza testa, le fece due due tagli a fare le ali, quattro taglietti sul di dietro, per imitare il posteriore piumato del volatile, et voilà, la melanzana fritta e servita su un piatto sembrava una quaglia vera e propria!

Da allora, questo piatto è diventato uno dei capisaldi della tradizione gastronomica della città capoluogo della regione.

Dopo questo breve excursus storico, passiamo alla descrizione della ricetta, augurandoci di aver stimolato abbastanza il vostro interesse tanto da cimentarvi nella sua realizzazione.

Ingredienti

Preparazione

Per preparare le melanzane a quaglia occorre innanzitutto lavare gli ortaggi, inciderne poi la scorza esterna effettuando dei tagli verticali facendo in modo che rimangano attaccate alla sommità.

Cospargere le melanzane di sale e porle in un colapasta a perdere il liquido di vegetazione.

Friggerle in abbondante olio di semi caldissimo fino a quando le stesse avranno raggiunto la completa doratura. Infine sgocciolarle e servire le “melanzane a quaglia” ben calde in tavola per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo di abbinare le melanzane a quaglia a un buon bicchiere di Santa Margherita di Belice Bianco. Si tratta di un vino vivace dal colore giallo paglierino tenue con riflessi verdognoli; dal profumo delicato fruttato tipico e dal gusto fresco, armonico e asciutto. Temperatura di servizio fra i 10 e i 12 gradi.