Sformato di cavolfiore

Sformato di cavolfiore
Home » Sformato di cavolfiore

La cucina siciliana ci regala piatti tradizionali estremamente gustosi: lo sformato di cavolfiore è indubbiamente uno dei secondi piatti più buoni e apprezzati della tradizione di questa meravigliosa terra.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 4 persone
  • Tempo di preparazione: 10 minuti
  • Tempo di cottura: 30 minuti
  • Complessivamente: 40 minuti

Presentazione

Lo sformato di cavolfiore è una preparazione morbida e saporita che in genere piace a tutti, un’ottima soluzione per proporre un po’ di verdura anche a chi non ha proprio la passione degli ortaggi.  

Nella cucina classica lo sformato è servito generalmente come ricco antipasto, ma basta aumentare un minimo la porzione per presentarlo in tavola al posto di un secondo tradizionale.

Questo sformato di cavolfiore è una tipica ricetta siciliana conosciuta anche nel resto d’Italia, molto gradita per sua prelibatezza e il suo ricco sapore.

Si tratta di una ricetta povera, genuina, semplice che ci è stata tramandata nel tempo, da umili contadini che, nelle occasioni di festa, dovevano accontentarsi di cucinare quel poco che avevano a disposizione, per esempio gli animali da cortile dei loro allevamenti e le verdure dei loro giardini.

Questo piatto può essere preparato per deliziare il palato di amici e parenti e fare un’ottima figura a tavola, senza spendere una fortuna! 

Buonissimo anche gustato freddo, e dunque adatto anche ad essere preparato per il pranzo in ufficio, questo piatto gode di tutte le proprietà benefiche del cavolfiore e delle proteine del latte, delle uova e del formaggio.

Se adorate i secondi piatti, fatevi invogliare dalle nostre proposte. Potrete spaziare da una ricetta come le frittelle di neonata, a una ricetta come il pollo e peperoni alla siciliana passando per il castrato al forno alla messinese.

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare lo sformato di cavolfiore

Preparazione dello sformato di cavolfiore

Per preparare il saporitissimo sformato di cavolfiore occorre innanzitutto dare mezza cottura al cavolfiore intero, quindi tagliarlo a pezzetti.

Soffriggere quindi i pezzi del cavolfiore nel burro e aggiungere un pizzico di sale marino di Trapani, a doratura avvenuta aggiungere il latte.

Preparare una besciamella col rimanente burro, il latte e la farina e aggiungerla ai pezzetti di cavolfiore tritato, preparato prima, insieme con le uova già sbattute e il formaggio pecorino grattugiato.

Cuocere il tutto in uno stampo al forno o a bagnomaria.

Quando lo sformato di cavolfiore sarà pronto, servirlo caldo in tavola per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare lo sformato di cavolfiore a un buon bicchiere di Santa Margherita di Belice Bianco.

Si tratta, in particolare, di un vino vivace dal colore giallo paglierino tenue con riflessi verdognoli, dal profumo delicato fruttato tipico e dal sapore fresco, armonico e asciutto.

Temperatura di servizio fra i 10 e i 12 gradi.