Spicchiteddi eoliani

Spicchiteddi eoliani
Home » Spicchiteddi eoliani

Gli spicchiteddi eoliani sono un dolce tipico della tradizione pasticciera del messinese a base di mandorla.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 10 persone
  • Tempo di preparazione: 30 minuti
  • Tempo di cottura: 15 minuti
  • Complessivamente: 45 minuti

Presentazione

Un dolce così non lo avete mai provato: gli spicchiteddi eoliani vi sorprenderanno per il loro mix di sapori e di consistenze.

Vi descriviamo un dolce davvero con forti connotazioni tipiche, che ci racconta della cultura delle isole Eolie e della loro storia alimentare.

Se vi piacciono i dolci siciliani, non potete non provare gli spicchiteddi eoliani.

Gli spicchiteddi sono biscotti alle mandorle dal ricco aroma di vino cotto e freschi sentori di agrumi, chiodi di garofano e cannella.

Sono tipici delle Isole Eolie dove si mangiano solitamente in conclusione dei pasti festivi, in alternativa ai nacatuli e ai gigi eoliani.

Gli spicchiteddi eoliani si accompagnano spesso a vini da dessert locali pregiati come la Malvasia.

Un biscotto a base di mandorla

L’ingrediente principale di questo squisito biscotto è la mandorla.

La mandorla è un frutto abbondantemente coltivato in Sicilia, della quale raffigura quasi un’icona, viste le molteplici ricette in cui entra da grande protagonista, come la pasta reale, ad esempio, conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. 

Il mandorlo è il primo albero a fiorire, ed è il segno della primavera in arrivo. Soltanto chi pratica la Sicilia può apprezzare la vista dei mandorli in fiore che si vede già a partire dal tardo febbraio.

I frutti del mandorlo sono un alimento alquanto ricco di proteine, digeribile e molto sostanzioso.

Nella sua struttura si riscontrano molteplici vitamine del gruppo B, la vitamina E, e la vitamina J e molteplici sali minerali preziosi per il metabolismo.

Pochi, semplici ingredienti presenti quasi sempre in ogni credenza per un dolce saporito e raffinato che conquista anche i palati più esigenti.

Non esitate e provate anche voi gli spicchiteddi eoliani seguendo la ricetta che vi proponiamo in questa pagina.

Se amate i dolci siciliani, fatevi invogliare dalle nostre proposte. Potrete navigare da una ricetta come il gelo di arancia, a una ricetta come lo sfoglio delle Madonie passando per la cuccìa di Santa Lucia.

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare gli spicchiteddi eoliani

  • 500 g farina 00
  • 100 g mandorle pelate e tostate
  • 100 g zucchero
  • vino cotto
  • 80 g strutto
  • una bustina di lievito per dolci
  • la scorza di un limone grattugiata
  • la scorza di un’arancia grattugiata
  • un cucchiaio di cannella
  • 3 chiodi di garofano
  • un cucchiaino di bicarbonato

Preparazione degli spicchiteddi eoliani

Per preparare gli spicchiteddi eoliani occorre innanzitutto sminuzzare le mandorle abbrustolite fino a quando diventeranno granulose.

Versarle in una zuppiera unitamente alla farina passata al setaccio, allo zucchero, al lievito, al bicarbonato, allo strutto, alla scorza degli agrumi grattugiata, a un cucchiaio di cannella, ai chiodi di garofano macinati e al vino cotto versato lentamente.

Lavorare gli ingredienti fino a ricavare un composto soffice e uniforme.

Staccare dal composto dei pezzetti da plasmare con le mani a forma di bastoncelli di circa 2 cm di spessore e 10-15 cm di lunghezza.

Avvolgere adesso ciascun bastoncello di pasta su se stesso in modo più o meno sofisticato e inserire una o due mandorle pelate sulla sopra ogni spicchiteddo.

Collocare quindi gli spicchiteddi su una teglia foderata con carta da forno e infornare a 180° per 10-15 minuti in forno preriscaldato.

A doratura avvenuta estrarre la teglia dal forno, far raffreddare e servire infine gli spicchiteddi eoliani per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare gli spicchiteddi eoliani a un buon bicchiere di Moscato di Noto.

Si tratta, in particolare, di un un vino spumante dal colore dal giallo dorato più o meno intenso all’ambrato, dal profumo fragrante tipico e dal sapore leggermente aromatico e dolce.

Temperatura di servizio generalmente fra i 6 e gli 8 gradi.