Arrosto panato alla palermitana

Arrosto panato alla palermitana
Home » Arrosto panato alla palermitana

L’arrosto panato alla palermitana è una semplice e squisita preparazione tipica della città di Palermo.

Altre ricette gustose

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per 4 persone
  • Tempo di preparazione: 10 minuti
  • Tempo di cottura: 5 minuti
  • Complessivamente: 15 minuti

Presentazione

Anche nel caso dell’arrosto panato alla palermitana siamo di fronte a uno dei piatti più rappresentativi della tradizione gastronomica palermitana.

La cucina di Palermo, come è facilmente riscontrabile in tantissime altre preparazioni, è stata una cucina costretta a fare di necessità virtù.

La stragrande maggioranza della popolazione non poteva certo permettersi, in tempi passati, le pietanze preparate dai monsù ai nobili e ai benestanti del tempo.

Dunque doveva inventare, spesso arrampicandosi sugli specchi, per sostituire l’ingrediente principale con uno o più ingredienti poveri “succedanei”.

Questi dovevano essere in grado di avvicinarsi, quanto più possibile, all’originale (vedi ad esempio il “ficatu ri sette cannola” oppure il “coniglio dell’argentiere”).

E questa virtù tutta siciliana di trasformare un piatto povero, in uno gustoso e prelibato si manifesta appieno nell’arrosto panato alla palermitana.

Anche i tagli meno buoni di carne, infatti, attraverso il procedimento della panatura rendono questa pietanza molto apprezzata da tutti i palati.

Il segreto di cotanto sapore? Non facciamolo sapere al nostro sistema cardiovascolare, ma lo strutto sembra essere il colpevole principale…

Ingredienti

Preparazione

Per preparare un gustoso piatto di arrosto panato alla palermitana, occorre innanzitutto battere le fettine di carne.

Cospargerle quindi su entrambi i lati di strutto (o, se si preferisce mantenersi più leggeri, di olio extravergine di oliva).

Passare poi la carne in un composto di pangrattato, origano, sale e pepe nero macinato al momento.

Cuocere le fette di carne sulla griglia rovente o in padella senza olio.

Servire l’arrosto panato alla palermitana ben caldo in tavola accompagnandolo con insalata verde o con una bella porzione di purè di patate.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo di abbinare l’arrosto panato alla palermitana a un buon bicchiere di Delia Nivolelli Nero d’Avola Riserva.

Si tratta di un vino fermo dal colore rubino intenso all’aranciato con l’invecchiamento, dal profumo intenso tipico e inoltre dal sapore asciutto e pieno.

Temperatura di servizio fra i 16 e i 18 gradi.