Insalata di fave secche

Insalata di fave secche
Home » Insalata di fave secche

L’insalata di fave secche è un piatto specifico della tradizione gastronomica siciliana, una ricetta che si caratterizza soprattutto per la sua grande bontà e la sua tipicità.

Altre ricette gustose

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per 4 persone
  • Tempo di preparazione: 20 minuti
  • Tempo di cottura: 2h 30m
  • Periodo di preparazione complessivo: 2h 50m

Presentazione

L’insalata di fave secche è un’ottima preparazione vegetariana.

La fava è una pianta originaria dell’Asia largamente diffusa anche in Europa e in Sicilia, dove si coltiva l’ottima varietà denominata “fava di Leonforte“.

I suoi semi sono ricchi di minerali come il calcio, il fosforo, il sodio, il potassio, il ferro, il magnesio, lo zinco, il manganese, il rame ed il selenio.

Inoltre, le fave sono ricche di vitamine del complesso B e di vitamina C.

Semplice da preparare, facile, genuina e inoltre saporita: queste sono le caratteristiche dell’insalata di fave secche. Guardiamo, pertanto, insieme come preparare questo piatto.

Ingredienti

Preparazione

Per preparare l’insalata di fave secche occorre innanzitutto togliere l’occhiello alle fave e lasciarle a bagno in acqua e bicarbonato per una notte.

Il passo successivo consiste nello sgocciolarle, sciacquarle e bollirle in abbondante acqua unitamente all’aglio per un lasso di tempo di un paio di ore e mezza.

A fine cottura aggiungere il sale, quindi scolare le fave e metterle in una capiente zuppiera.

Condire l’insalata con olio, pepe, un trito di prezzemolo e aceto e servire infine in tavola per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo di abbinare l’insalata di fave secche a un buon bicchiere di Cerasuolo di Vittoria.

Si tratta di un vino fermo dal colore rosso ciliegia, odore floreale e fruttato, sapore pieno, rotondo e inoltre asciutto.

Temperatura di servizio fra i 14 e i 16 gradi.

Conservazione

Questa insalata può essere conservata in frigorifero coperta con la pellicola trasparente al massimo per 2-3 giorni.