Pasta ‘ncasciata alla messinese

Pasta 'ncasciata alla messinese - pasta ‘ncasciata â missinisa
Home » Pasta ‘ncasciata alla messinese

La pasta ‘ncasciata alla messinese (pasta ‘ncasciata â missinisa) è un primo piatto tipico appartenente al patrimonio culinario messinese preparato specialmente in occasione del Ferragosto.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 4 persone
  • Tempo di preparazione: 1 ora
  • Tempo di cottura: 40 minuti
  • Complessivamente: 1h 40m

Presentazione

La pasta ‘ncasciata alla messinese è un primo piatto sostanzioso, perfetto da preparare durante la stagione estiva, periodo dell’anno in cui alcuni ingredienti principali (ci riferiamo soprattutto alla salsa di pomodoro e alle melanzane) sono particolarmente buoni.

Parliamo di un primo piatto davvero rappresentativo della cucina siciliana, conosciuto e gradito in tutta l’isola sebbene sia più diffuso nella parte orientale.

Se siete alla ricerca di un primo piatto particolare da presentare per un pranzo speciale con amici e parenti, questa sontuosa ricetta è proprio ciò che vi serve.

Il piatto della tradizione del Ferragosto messinese

La pasta ‘ncasciata alla messinese, conosciuta a Messina come pasta ‘ncasciata â missinisa, fa parte delle antiche ricette appartenenti alla tradizione siciliana.

In particolare questa pietanza è tipica del ferragosto messinese.

Assieme al pollo al sugo, altro piatto che si annovera tra le antiche ricette siciliane, infatti, è tradizione che questa pasta sia sulle tavole di ogni messinese per il giorno 15 di agosto, spesso consumata in spiaggia e seguita, alla fine del pranzo, da una fetta di anguria rossa.

Poi, dopo il pranzo, tutti alla Vara: il giorno di ferragosto, infatti, tutta la città è in festa e addobbata con drappi e tessuti gialli e rossi (che rappresentano i colori della città) per la più importante delle sue manifestazioni, una tra le più antiche e spettacolari, “La Vara”.

Una pasta ricca di ingredienti golosi

Un primo piatto come la pasta ‘ncasciata alla messinese è ricco di ingredienti golosi, fra i quali citiamo le melanzane e il pecorino siciliano.

La melanzana è un ortaggio tipicamente estivo, protagonista indiscusso della cucina siciliana.

Si tratta di un ortaggio fra i più duttili in cucina ricco di sali minerali, su tutti citiamo particolarmente potassio, fosforo e magnesio oltre a una discreta quantità di vitamine: vitamina A, quasi tutte le vitamine del gruppo B, vitamina C, K e J.

Le melanzane possono essere consumate in tantissime ricette differenti e tutte assolutamente da provare.

Possono essere cucinate in padella, al forno, ovvero come contorno e sono ideali per essere impiegate per le ricette leggere.

Il pecorino siciliano è uno dei formaggi più antichi del mondo e viene reputato uno dei più buoni.

Si tratta di un formaggio a pasta dura, come dura è la sua crosta che presenta caratteristiche di oleosità e marcatura derivante dai segni provocati dai canestri di giunco.

La stagionatura del pecorino siciliano può prodursi in quattro stadi che danno luogo a quattro sottospecie di pecorino differenti: la tuma (cioè il pecorino fresco), il primo sale (10 giorni), il secondo sale (45-90 giorni) e lo stagionato (4 mesi).

Una combinazione di sapori armoniosa

I sapori forti dei formaggi si abbinano splendidamente al resto degli ingredienti facendo sì che questa preparazione risulti veramente gradevole al palato.

La preparazione di un primo piatto così ricco potrebbe forse sembrare una grande sfida in cucina.

In realtà la pasta col formaggio alla messinese è semplice da preparare, a condizione che si seguano pochi, importanti passaggi.

Scopri la ricetta di Maria Irrera, nostra lettrice messinese doc, che vi guiderà passo dopo passo nella realizzazione della pasta ‘ncasciata â missinisa.

Se preferite i primi piatti siciliani a base di carne, lasciatevi stimolare dalle nostre proposte. Potrete spaziare da una ricetta come la pasta col ragù di pecora, a una ricetta come l’impanata con i lolli passando per le cassatelle di ricotta in brodo.

Altre ricette gustose

Ingredienti per preparare la pasta ‘ncasciata alla messinese

Preparazione della pasta ‘ncasciata alla messinese

Per preparare la pasta ‘ncasciata alla messinese, anzi la pasta ‘ncasciata â missinisa, soffriggere innanzitutto la cipolla tritata.

Aggiungere quindi la carne, salare, pepare usando pepe nero da macinarsi rigorosamente al momento, e fare insaporire per circa 10 minuti a fuoco vivace versandovi la salsa di pomodoro.

Sbucciare le melanzane, tagliarle a fette, cospargerle di sale per far loro “perdere l’acqua” di modo che l’amaro vada via.

Dopo circa mezz’ora, lavarle, asciugarle accuratamente (al fine di evitare pericolosi schizzi di olio bollente) e friggerle.

Lessare la pasta piuttosto al dente, scolarla e condirla con un poco di sugo.

Prendere una teglia, versarvi sul fondo del sugo, aggiungere poi uno strato di pasta, uno di melanzane fritte, uno di provola tagliata a tocchetti e abbondante pecorino siciliano stagionato grattugiato con una cascata di basilico.

Continuare, alternando gli ingredienti finendo con melanzane, la provola e il basilico.

Mettere la teglia in forno caldo per circa mezzora in modo che sulla superficie si formi una crosta dorata.

Servire infine la pasta ‘ncasciata alla messinese ben calda in tavola per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo, come abbinamento, di accompagnare la pasta ‘ncasciata alla messinese a un buon bicchiere di Contessa Entellina Cabernet Sauvignon.

Si tratta, in particolare, di un un rosso dal colore rubino intenso e dal gusto rotondo e asciutto, ideale per questa ricetta.

Servire a una temperatura compresa generalmente fra i 16 e i 18 gradi dopo un opportuno periodo di decantazione.