Crocchette palermitane (cazzilli)

Crocchette palermitane cazzilli
Home » Crocchette palermitane (cazzilli)

Assieme alle panelle di ceci, le crocchette palermitane (denominate in lingua siciliana “cazzilli“) costituiscono la preparazione più tradizionale delle friggitorie della città capoluogo di regione.

Scopri anche

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 4 persone
  • Tempo di preparazione: 30 minuti
  • Tempo di cottura: 15 minuti
  • Complessivamente: 45 minuti

Presentazione

Le crocchette palermitane sono uno dei cibi da strada più noti del capoluogo, e sono consumate sovente per condire il pane con panelle, che diventa, nel caso specifico, “pane con panelle e crocchè“.

Come è noto, un posto di rilievo nella gastronomia siciliana, è occupato dalla cosiddetta “gastronomia da strada”, specialmente a Palermo.

Si tratta di preparazioni veloci, economiche e in vendita in caratteristiche bancarelle o chioschi per strada. Ecco quindi il famoso pane e panelle, il pane con frattaglie, come il pani ca meusa per esempio, le stigghiole, le verdure fritte in pastella, le arancine e via discorrendo.

A Palermo c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Le crocchette palermitane appartengono a questa tradizione. Vengono infatti usate per rendere ancora più ricco, come detto in premessa, il “panino con le panelle” unitamente a sale, pepe e succo di limone oppure consumate da sole.

Ma le crocchette palermitane possono essere gustate anche in tavola.

Sono infatti dei deliziosi antipasti o secondi piatti molto famosi per la loro bontà e semplicità di preparazione, preparati soprattutto durante le cene delle festività natalizie.

Mangiate sole, come farcitura di un panino assieme alle panelle, o in tavola come antipasto, sono una vera delizia del palato!

Ingredienti

Preparazione

Per preparare le deliziose crocchette palermitane occorre innanzitutto lessare le patate in acqua moderatamente salata.

Passare le patate al setaccio e aggiungere poco aglio tritato, prezzemolo, formaggio pecorino grattugiato, sale marino di Trapani e una spolverata di pepe nero macinato al momento.

Dare poi alla purea la forma di tante crocchette ovali e friggerle in olio di semi ben caldo, eliminando, a fine cottura, l’olio in eccesso mediante la carta assorbente.

Se si preferisce, le crocchette si possono passare nell’albume dell’uovo sbattuto e nel pangrattato, prima di essere fritte.

Servire infine le crocchette palermitane ben calde in tavola per la consumazione.

Abbinamento

Abbinamento

Suggeriamo di abbinare le crocchette palermitane (cazzilli) a un buon bicchiere di Sciacca Chardonnay. Si tratta di un vino fermo dal colore giallo paglierino con riflessi dorati; dal profumo fruttato tipico e dal sapore fresco, armonico e asciutto. Temperatura di servizio fra i 10 e i 12 gradi.