Minestra di fagioli borlotti (pasta ca fasola ‘ncirata)

Minestra di fagioli borlotti freschi
Home » Minestra di fagioli borlotti (pasta ca fasola ‘ncirata)

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

La minestra di fagioli borlotti (in siciliano denominata “pasta ca fasola ‘ncirata” è una gustosissima minestra estiva a base di fagioli borlotti freschi.

Dosi per: 4 persone
Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cottura: 45 minuti
Tempo complessivo: 1 ora

Minestra di fagioli borlotti (pasta ca fasola ‘ncirata): presentazione

La minestra di fagioli borlotti (pasta ca fasola ‘ncirata) è una zuppa dove si incontrano tanti sapori diversi, accomunati dalla genuinità che solo la terra di Sicilia può dare. Una ricetta davvero unica, deliziosa e semplice nella preparazione.
Si tratta di una ricetta tipicamente estiva, periodo nel quale è possibile trovare in tutti i negozi di frutta e verdura i fagioli borlotti freschi.

I fagioli sono i semi di una leguminosa largamente coltivata sia in Italia sia in Sicilia. E’ una pianta molto ricca di elementi benefici per il nostro organismo come diverse vitamine del gruppo B e minerali quali sodio, potassio, ferro, fosforo, manganese, calcio, magnesio, zinco, rame e selenio.
Inoltre, un consumo regolare di fagioli può contribuire ad abbassare la presenza di colesterolo nel sangue e, in considerazione della buona presenza di fibre, essi sono alquanto indicati per prevenire problemi all’intestino, stitichezza ed emorroidi. Inoltre, il consumo di fagioli aiuta ad abbassare la glicemia
La minestra di fagioli borlotti (pasta ca fasola ‘ncirata) è un piatto davvero gustoso da preparare che soddisferà appieno i vostri commensali.

Ingredienti:
200 g di pasta formato “ditali lisci”
2 kg fagioli borlotti da sgranare
400 g patate tagliate a dadini piccoli
200 g pancetta dolce a cubetti
500 gr pomodori pelati freschi (o, in alternativa, in scatola)
1 cipolla
2 spicchi d’aglio schiacciati con lo schiaccia aglio
prezzemolo tritato
qualche foglia di basilico
sale marino di Trapani
olio extravergine di oliva
un pizzico di peperoncino in polvere (o un pezzetto di peperoncino fresco tagliato a pezzettini)

Minestra di fagioli borlotti (pasta ca fasola ‘ncirata): preparazione

Per preparare la minestra di fagioli borlotti (pasta ca fasola ‘ncirata) occorre innanzitutto togliere i fagioli dai baccelli e lavarli per bene con l’acqua fredda. Preparare quindi un trito aromatico con aglio, cipolla, basilico, peperoncino fresco e prezzemolo e soffriggerlo assieme alla pancetta. Diluire con un paio di bicchieri d’acqua e regolare di sale. Se non gradite il peperoncino fresco, potete aggiungere quello in polvere oppure utilizzare solo il pepe nero.

A parte lessare i fagioli e le patate; quando saranno cotti aggiungerli al soffritto e fare cuocere tutto assieme per una ventina di minuti, aggiungendo l’acqua di cottura dei fagioli in misura tale  da ottenere la giusta consistenza e la giusta cremosità (a questo scopo è possibile frullare una parte dei fagioli e delle patate e aggiungerli alla minestra).

Cuocere la pasta (preferibilmente i ditali lisci, ma qualsiasi formato di pasta corta va bene) e scolarla un paio di minuti prima della cottura. Aggiungerla alla minestra e terminarne la cottura rimestando continuamente.

Trascorso questo breve lasso di tempo, spegnere la fiamma e lasciare riposare sul fornello coprendo la casseruola con un coperchio. Quindi aggiungere un filo di ottimo olio extravergine di oliva siciliano e se gradite una spruzzata di pepe nero macinato al momento.

Servire in tavola per la consumazione.

Minestra di fagioli borlotti (pasta ca fasola ‘ncirata): abbinamento

Suggeriamo di abbinare la Minestra di fagioli borlotti (pasta ca fasola ‘ncirata) a un buon bicchiere di Cerasuolo di Vittoria, un vino fermo dal colore rosso ciliegia, odore floreale e fruttato, gusto pieno, rotondo e asciutto. La temperatura di servizio di questo vino è compresa fra i 14 e i 16 gradi.

Note per la conservazione

E’ possibile conservare la minestra di fagioli borlotti (pasta ca fasola ‘ncirata) a temperatura ambiente per l’arco massimo di una giornata. Ne sconsigliamo la conservazione in frigo.